Il Giardino dell' Erba Voglio
Piante e Poesia
Bibliografia                                                                 
   Da' doppia luce al tuo verso, 
                                perche' si legga di fronte
e di traverso.
           (A. Machado, da: "Proverbi e cantari", trad. di O.Macri')

horizontal rule

                                   Piante (... animali) e Poeti
a  b  c  d  e  f  g i  j  k  l  m  n  o  p  q  r  s  u   v  w  x  y  z
 
Poeti e Piante (...e  animali)
A  B  C  D  E  F G   H  I  J  K  L  M  N   O  P   Q  R  S  T  U  V  W  X  Y   Z
 
       Alberi                       Fiori                      Stagni
                     Giardini                   Mesi                         Stagioni       
 
AVVERTENZA: La cosa e' iniziata in sordina, con l'idea di trovare citazioni poetiche che accompagnassero solo le piante esistenti nel giardino dell' erba voglio, ma... ci e' sfuggita di mano.
Come si puo' rinunciare ad una bella poesia solo perche' parla di un fiore che non e' presente nel nostro giardino?
E delle poesie sugli animali che ne facciamo?
E abbiamo diritto di privare i bambini, nostri visitatori, delle filastrocche di Rodari?   E l'umorismo di Stefano Benni e... gli animali immaginari?
E il gioco non finisce piu'...se qualche lettore ci volesse suggerire testi a cui affezionato, gli ricordiamo il nostro indirizzo e-mail: ge.erbavoglio@gmail.com
 
Buona lettura...
                                                     
Mignon
Conosci tu la terra dove fiorisce il cedro
e tra il fogliame arance d'oro splendono?
Dal cielo azzurro un dolce vento spira;
vi cresce alto l'alloro, umile il mirto.
La conosci tu?
Laggiu', laggiu'
vorrei andare, amato mio, con te.
 
Conosci tu la casa? Sta su colonne il tetto,
e splendono la sala e l'ampie stanze.
Vi sono statue bianche, mi domandano:
-Che t'hanno fatto, povera creatura?-.
La conosci tu?
Laggiu', laggiu'
vorrei andare, mio signor con te.
 
Conosci tu il monte, fra nubi il suo sentiero?
Cerca la via il mulo nella nebbia;
i draghi antichi vivono in caverne;
piomba la rupe, e sopra essa il torrente.
La conosci tu?
Laggiu', laggiu',
quella e' la nostra via. O padre, andiamo!"

(W.Goethe, da: "Wilheim Meister", trad. di L.Fiorentino)