Il Giardino dell' Erba Voglio

SALVIA

"Quando more la salia che xe in orto
more el paron de casa o l'e' za morto"
(Proverbio veneto)
NOME SCIENTIFICO: Salvia officinalis L.
NOMI DIALETTALI: Savia bastarda (Piemonte), Erba gobba (Lombardia), Jerbedai tais (Carnia), Erba muscatella (Emilia), Gintilgalla (Sicilia)
FAMIGLIA: LABIATAE

SALVIA22.jpg (34183 byte)

CARATTERISTICHE: il genere comprende circa 500 specie. I suoi stami sono stati costruiti come una leva che viene azionata direttamente dall’insetto quando si posa sul labbro inferiore della corolla perche' il suo peso provoca lo spostamento in avanti delle antere che lo colpiscono cospargendolo di polline.
DISTRIBUZIONE: coltivata in tutta Italia: cresce spontanea solo in alcune aree del Sud.
USO ALIMENTARE: molto usata in cucina per insaporire i cibi, e' anche gustosa consumata fritta. Dai fiori e dalle foglie si estrae l´┐Żessenza detta "olio di ambra"; usata inoltre in pasticceria.
USO MEDICINALE: una delle piante medicinali piu' rinomate: il nome "salvia" deriva dal latino salus (=salute). Nell’uso orale: tonico, antispasmodico, antisettico, antisudorale, diuretico, ipertensore. Nell’uso esterno anche: astringente e cicatrizzante, antireumatico (bagni). Attenzione perche' l’OLIO ESSENZIALE puo' provocare crisi epilettiche ed essere TOSSICO per il sistema nervoso anche a piccole dosi: 2 volte piu' tossico dell’Assenzio . Si credeva che, la frizione dei denti con le sue foglie, contribuisse a mantenerli bianchi e puliti. L’ infuso, preso regolarmente per un mese prima del parto, ne riduce considerevolmente i dolori.
CURIOSIT: I Romani se la portavano addosso come un amuleto, anche perche' era compresa nell’elenco delle 13 erbe miracolose selezionate dai Maghi della Caldea, i quali sostenevano che ognuna delle erbe prescelte, in presenza di altre decuplicava il proprio potere naturale. Si credeva anche che la Salvia potesse mettersi in contatto con il Diavolo utilizzando come tramite i rospi.
ORIGINE: esemplare trapiantato da altro sito.